BANGLADESH

«Padre, come si prega?»

di padre ALMIR AZEVEDO

 

 Almir

Mohespur, Marzo 2018

Carissimi amici, pace e bene nel Signore Gesù!

Prima Parola: Qui a Mohespur sono alle 06:04 di questo splendido martedì sera. Sentiamo la chiamata alla preghiera mulsumana fatta dai loro Muezzin. Anche i ragazzi e le ragazze dei nostri Hostel stanno tutti andando in chiesa, dove faranno la Lectio Divina, guidata dal padre Danilo Gomez; da poco arrivato a Mohespur, è molto attivo nella formazione dei giovani durante le visite ai villaggi. Lui avrà l’incarico di gestire dell`Ostello dei ragazzi.

Seconda Parola: Ieri mattina io e il padre Danilo siamo andati a Fuktibari, un piccolo villaggio della missione a benedire l`inizio della costruzione di una cappella. Fuktibari è un villaggio Kotrio, cioè cristiani venuti dell`induismo. Questo villaggio è stato battezzato negli anni 90 dai padri del PIME che venivono da Dinajpur (padre Poggi, Padre Meli...), bravi missionari che hanno vissuto qui prima del nostro arrivo. Hanno fatto un lavoro di prima evangelizzione che fa invidia. Non c`era molta gente alla cerimonia di benidizione, anche perchè i cristiani a Fuktibari sono pochissimi. Eravamo una quindicina di persone, fra muratori, preti e un pastore. Questo ultimo, lo chiamo il pastore, perchè purtroppo non mi ricordo di quale chiesa sia rappresentante, è stato molto simpatico e ha participato con noi in tutto, incluso il convivio offerto dopo la cerimonia... Quindi, è stato un inizio "ecumenico". Preghiamo, perché in questa cappella la gente possa avere un luogo dove pregare assieme o da soli, per crescere nella fede in Cristo Gesù.

Terza Parola: Durante la Quaresima, come di tradizione, il venerdì si svolge la via Crucis. Tutti noi cattolici, più o meno sappiamo e condividiamo questa preghiera, che ricorda come Gesù ha vissuto i suoi ultimi momenti di vita in questa terra. In un villaggio della nostra missione, vi è un gruppo di persone, venuti da una chiesa chiamata TALITACUM. Da circa 8 mesi sono diventati catecumeni, cioè fanno il cammino di fede che li porterà, se saranno disposti, a ricevere il battesimo nella chiesa cattolica. Un signore, ben vestito e molto estroverso, durante un incontro mi chiese: "Padre, ma cosa è la via Crucis e come si fa a pregare? Io non so proprio come fare. Vi prego di mandare un catechista a insegnarci cosa voglia dire e come si prega durante la via crucis...". Sono rimasto felicissimo di sentirmi un missionario di prima evangelizzazione, perché qualcuno mi faceva delle domande basilari sulla fede cristiana. Ho subito mandato uno dei nostri catechisti insieme ad una delle nostre suore a verificare se questo villaggio è ancora ai primi passi nell`insegnamento sulla vita di Gesù. Sappiate, però, che ho tentato di spiegare a quel signore cosa significa pregare la via crucis. Ho anche cercato di dire cosa significa, per noi che crediamo in Cristo, ripetere questa preghiera durante la quaresima. Dopo ben due ore di catechesi, mi sono alzato e ho detto: “Per oggi basta, perchè ho tanta fame. Vi chiedo se è possibile cominciare a mangiare questo cibo pronto che aspetta di essere consumato da questa mattina presto”. Tutti i presenti hanno riso, e insieme hanno detto che avevo la più assoluta ragione su questo punto. Non lo so se loro hanno capito quello che ho detto sulla via crucis, ma quando ho detto che era ora di mangiare, mi hanno capito senza fare altre domande. La pancia quando è ''FREDDA" (espressione usata alla Taccona di Muggiò, quando ero seminarista in Italia) fa capire tante cose. È proprio BELLO e necessario "perdere" tempo con la gente che serviamo, condivivendo con loro i loro dubbi di fede e i loro desideri di imparare.

Quarta Parola: Adesso vorrei ringraziare ciascuno di voi che ci aiuta a portare avanti la missione di Mohespur. Noi siamo qui, ma senza il vostro aiuto concreto, non potremmo portare avanti tante iniziative missionarie. Vorrei rivolgere un ringraziamento particolare alle persone che sostengono i nostri ragazzi/e attraverso i progetti delle adozioni. Ringrazio il padre PierFrancesco con i suoi amici che sono venuti qua a visitarci e vedere di persona come stanno andando le opere che loro hanno sustenuto o continuano a sostenere. Grazie a tutti per il vostro genereso e necessario aiuto.

A TUTTI VOI, DAL FONDO DEL CUORE, IN NOME DELLA MISSIONE DI MOHESPUR, VI AUGURIAMO BUONA QUARESIMA E UNA FELICE PASQUA!

Con amicizia, gratitudine e spirito missionario,

Almir Azevedo - PIME Bangladesh

 

Il SOSTEGNO A DISTANZA è una forma semplice di aiuto economico continuativo a una singola persona indicata dai missionari del Pime.

L'UFFICIO AIUTO MISSIONI del Centro missionario Pime di Milano la promuove dal 1969.

DOVE SIAMO

via Mosé Bianchi 94, 20149 Milano

ORARI

dal lunedì al venerdì: dalle 9 alle 12,30 e dalle 14 alle 17

CONTATTI

Telefono 02/43.822.322; 02/43.822.536
mail: adozioni@pimemilano.com

ATTIVA ORA UN'ADOZIONE A DISTANZA

Contattaci

   Via Mosé Bianchi 94 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more