5x1000bannerNL

Momento di incontro e festa, segno concreto della possibilità di costruire una convivialità delle differenze, le Settimane Solidali iniziate nel maggio del 2000, sono ormai diventate un appuntamento tradizionale per le scuole impegnate sui temi dell’educazione interculturale e alla mondialità. Sono giornate solidali dedicate alle scuole primarie e secondarie di primo grado, dove si alternano momenti più prettamente educativi (i laboratori) a momenti di maggiore convivialità (il concerto e lo spettacolo teatrale).

Ogni anno viene scelto un tema attuale, sempre legato alle più generali tematiche dell’educazione alla mondialità, attorno al quale si sviluppano diverse attività laboratoriali.

Ecco alcuni laboratori realizzati in questi anni:

Diventare  Consum-attori: Introduzione al "consumo critico" e al Commercio equo e solidale come tentativi di rimettere al centro la Persona anche negli scambi commerciali. Visita alla Bottega del Mondo del Pime di Milano.

Cambogia, la scommessa della cooperazione: Paola Maiocchi, da poco rientrata dalla Cambogia dopo una permanenza di 5 anni, incontra i ragazzi per raccontare dal vivo la realtà e le problematiche di un progetto di cooperazione internazionale in un paese del Sud del mondo.

Visita al Museo Popoli e Culture: A partire dagli oggetti presenti nelle sale, ai ragazzi viene proposto un viaggio nelle diversità, gli usi e i costumi di popoli e culture un tempo “lontane”, oggi sempre più vicine.

Mostra fotografica: Birmania, terra dai mille volti: Il percorso espositivo si snoderà attraverso trenta scatti a colori che offrono uno sguardo sulla Birmania contemporanea (il cui nome ufficiale è Unione di Myanmar).Lo sguardo del turista non può cogliere le laceranti contraddizioni di un regime militare che dura da più di 40 anni e che è tra i più violenti e sanguinari del mondo. L’orrore è nascosto dietro immagini da cartolina di un Paese meraviglioso e ricchissimo. La verità, invece, nelle sue mille sfaccettature e contraddizioni, si legge solo sui volti delle persone, reali protagoniste dell’esposizione.

Alla scoperta della Cina: Percorso che presenta l’enorme ricchezza di una cultura millenaria, complessa e oggi a noi sempre più vicina.I ragazzi incontrano una educatrice che, avendo vissuto in Cina, cerca di raccontarne il fascino e le problematiche. 

La danza della Capoeira: Nata in Brasile intorno al XVII secolo dagli schiavi africani questa danza non è solo movimento e musica ma anche gioco, ritmo, celebrazione rituale, comunicazione, incontro.

Il samba: simbolo del Brasile: Accompagnati dal mediatore culturale Kal dos Santos i ragazzi verranno introdotti al ritmo, al significato e al valore culturale del samba come strumento educativo e onte tra culture. Proveranno anche a realizzare una semplice ritmica utilizzando strumenti a percussione.

Masai: il diritto di esistere: Incontro testimonianza con una ragazza di etnia Masai sulle problematiche di questa popolazione che combatte per non perdere la propria identità all’interno di un mondo globalizzato che spinge verso l’omologazione.

Viaggio nelle Filippine: incontriamo la tribù dei Manobo: Dall’isola del Mindanao (Filippine), i Manobo lottano per la loro sopravvivenza. Una cultura, un popolo che cerca di resistere allo sfruttamento e alla omologazione esasperata.

Il griot africano: simbolo dell’ascolto e della condivisione: Mohamed Ba, griot, poeta e narratore di un’Africa che rischia di scomparire, incontra i ragazzi poiché come spesso dice “la cultura è l’unica cosa che rimane all’uomo, quando viene spogliato di tutto”.

Danziamo le danze del mondo: Danza  popolare come strumento per entrare in contatto con culture italiane, europee e del mondo e riscoprire feste, storia e tradizioni. 

Spettacoli musicali e teatrali: A tutti gli alunni che partecipano all’evento sono offerti: Un concerto musicale, spesso con la partecipazione di gruppi etnici. Uno spettacolo teatrale sul tema all’interno del nostro auditorium, a conclusione della giornata. 

L’evento viene realizzato tradizionalmente a maggio, e la giornata tipo è così organizzata:

·9.00 – 9.45 Accoglienza e visita agli stands

·10.00 – 12.30 Partecipazione a 2 tra i laboratori proposti e visita alle mostre 

·12.30 – 13.30 Testimonianza e concerto musicale in plenaria

·13,30 - 14,30 pranzo al sacco

·14,30 – 15,45 Spettacolo teatrale e conclusione

 

Contattaci per avere maggiori informazioni! Ti aspettiamo!

 

 

 

 

 

banner libretto2017

banner contattaci

banner pj23

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more