Banner SostegnoDistanza

 

In Italia i missionari del Pime sono stati i primi, esattamente cinquant'anni fa, a iniziare i progetti di Sostegno a Distanza - SaD, uno strumento semplice ed efficace per accompagnare nell'istruzione, alimentazione e sanità, bambini, giovani e disabili presenti nei Paesi di missione. 

Dal 1969, grazie ai nostri sostenitori, abbiamo migliorato decine di migliaia di vite. Come quella di Malafi.

"I miei genitori erano agricoltori e non potevano pagare i miei studi. Finchè, attraverso i missionari del Pime che operavano a Mansoa, arrivò la svolta. Andai così a Bissau e poi Bafatà, per frequentare la facoltà di Medicina: non è stato facile, ma grazie a Dio e al sostegno a distanza ce l'ho fatta... Volevo restituire un pò di quello che avevo ricevuto, così ho deciso di costruire una scuola a Cutia, per permettere ai bambini di cominciare a studiare fin da piccoli". 

 Malafì, Guinea Bissau – Medico

 

A questa e a tante altre storie di quanti sono stati sostenuti in questi cinquant'anni è dedicato il servizio di copertina del numero di aprile 2019 di Mondo e Missione, la rivista dei missionari del Pime. Clicca qui per leggere l'articolo di Chiara Zappa «Adottare il futuro» 

 

saaaad 

 

✓ Con €230,00 garantisci per un anno a un bambino un'adeguata educazione, una corretta alimentazione e le cure per uno sviluppo armonico e integrale;

✓ Con €460,00 anche suddivisibili tra due sostenitori, doni per un anno ad un giovane tra i 14 e i 24 anni l'opportunità di proseguire gli studi superiori o completare la formazione scolastica o doni ad una persona disabile la possibilità di vivere serenamente in modo dignitoso. 

 

Clicca qui per avere maggiori informazioni o

contatta l'Ufficio Aiuto Missioni

02 438221 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

campo profughi Goura2

 

«Sono più di 40 mila i profughi fuggiti dagli attacchi di Boko Haram a fine gennaio in Nigeria. Si trovano in condizioni di grande precarietà a est di Kousseri, nell’Estremo Nord del Camerun. C’è bisogno di un aiuto urgente»

È il nuovo appello che dalla diocesi di Yagoua, in Camerun, lancia fratel Fabio Mussi, missionario del Pime e responsabile della Caritas in un'area da anni ormai alle prese con il dramma delle persone in fuga dalla Nigeria per le violenze degli estremisti islamici di Boko Haram. Quello a cui si sta assistendo in questi giorni è un nuovo esodo di massa di gente senza nulla e che si ritrova in mezzo al nulla. Uomini, ma soprattutto donne e bambini, vittime della violenza cieca dei miliziani di Boko Haram che non fa più nessuna notizia. Eppure, sono lì, e sono migliaia, accampati in capanne di fortuna nei pressi di Goura, in un campo informale dove tutto è provvisorio e dove non c’è praticamente nulla, come fratel Fabio racconta in questo articolo pubblicato sul sito di Mondo e Missione.

Di fronte a questa situazione gravissima la Fondazione Pime Onlus ha deciso di avviare una sottoscrizione straordinaria a sostegno dell'opera della Caritas di Yagoua. «Vorremmo realizzare una campagna di vaccinazioni  - racconta dal Camerun fratel Fabio - soprattutto contro la meningite, per cui abbiamo bisogno di dosi di vaccino e di siringhe. Abbiamo inoltre individuato almeno 1.800 bambini bisognosi di sostegno alimentare urgente e un migliaio di anziani che rischiano loro stessi la vita a causa della malnutrizione. Sono le categorie più deboli e vulnerabili che non vogliamo in nessun modo abbandonare».

È possibile sostenere questo sforzo effettuando una donazione al PROGETTO S136 EMERGENZA ESTREMO NORD CAMERUN con le consuete modalità di versamento ai progetti della Fondazione Pime Onlus.

DONA ORA:

IBAN IT 11 W 05216 01630 000000005733

Per versamenti con carta di credito o PayPal

https://donazioni.pimemilano.com/fondi-ed-emergenze

 

 

 UovaPasquaPime2019

 

UNA PASQUA SOLIDALE PER L'AMAZZONIA CON I MISSIONARI DEL PIME

 A Pasqua scegli di sostenere i progetti dei missionari del Pime accanto ai popoli dell'Amazzonia

PRENOTA

per la tua famiglia, azienda, parrocchia, scuola, gruppo scout, associazione, gruppo d'acquisto, amici, comitato genitori...

L'UOVO SOLIDALE PIME

prodotto con cioccolato sostenibile nel rispetto dei piccoli produttori coinvolti
realizzato da Icam per i missionari del Pime.

Un'occasione per fare festa esolidarietà scoprendo che

LA SORPRESA PIU' BELLA
E' IL SORRISO DEGLI ALTRI 

UOVO PIME 200gr

disponibile sia fondente che al latte

prezzo al pubblico € 10

COLOMBA 900gr

lievito madre, ingredienti e confezione solidale

prezzo al pubblico € 12

ATTENZIONE

parrocchie, gruppi scout, associazioni, gas, comitati genitori, etc.

potranno trattenere dalla vendita il 20% su uova e colombe

il 10% su ovetti a sostegno delle proprie attività!

PRENOTA ONLINE

Il tuo aiuto è prezioso perchè anche con poco i missionari del Pime possono fare molto!

Segui la campagna «Il grido dell'Amazzonia» sul sito www.amazzonia2019.com

Se vuoi contattarci:

negozioQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 02/ 43.82.2390

 

 

 

Attraverso la dichiarazione dei redditi - CON UNA FIRMA E L'INDICAZIONE DEL CODICE FISCALE 
della FONDAZIONE PIME ONLUS 97486040153 nella casella SOSTEGNO AL VOLONTARIATO

- puoi destinare ai missionari una quota dell'imposta che paghi già al fisco.

5x1000anno2019

 

CLICCA QUI PER CONSULTARE L'ELENCO DEI PROGETTI FINANZIATI
CON IL 5 X 1000 DELL'ANNO SCORSO IN

CAMERUN, COSTA D'AVORIO, GUINEA BISSAU
MYANMAR E THAILANDIA

 

LEGGI LE STORIE DEI PROGETTI SOSTENUTI CON IL 5 X 1000

 

5x1000Bangladesh«NELLA PERIFERIA DI DHAKA»

La Child Welfare School, piccola scuola di periferia voluta dai missionari del Pime a Kollanpur, nell'estrema periferia della capitale del Bangladesh, scommette sul futuro dei ragazzi grazie anche ai fondi del 5 x 1000 destinati alla Fondazione Pime Onlus. Sono 185 bambini dalla scuola materna alla quinta elementare a frequentarla. Leggi la loro storia in questo articolo

 

5x1000cambogia

«CON NEW HUMANITY IN CAMBOGIA»
Con le vostre firme del 5 x 1000 destinato al Pime l'anno scorso - attraverso l'ong New Humanity - avete sostenuto 22 scuole primarie e 24 materne nelle province di Kompong Chhnang e Mondolkiri in Cambogia. Leggi in questo articolo i dettagli su quanto è stato fatto

 

 

 

 

barpime 

 

Il Centro missionario Pime nel prossimo mese di settembre inaugurerà la sua sede rinnovata, dopo i lavori di ristrutturazione in corso nel grande edificio che si affaccia su via Monte Rosa a Milano. Sarà una sede in dialogo con la città e tra le tante novità che stiamo preparando ci sarà anche una caffetteria dove poter incontrarsi e «respirare» il mondo nella casa dei missionari. Per questo stiamo cerchiamo candidature per la gestione di questo spazio commerciale.

Il gestore della caffetteria culturale PIME dovrà possedere i seguenti requisiti:
• comprovata provenienza da un business etico (con finalità sociale) o comunque vicino al mondo missionario;
• apertura e disponibilità a raggiungere diversi target strategici per il bar e a soddisfarne i bisogni attraverso una offerta adeguata: lavoratori limitrofi, studenti dell’università, abitanti del territorio, gruppi in visita al PIME o comunque ospiti PIME, partecipanti a iniziative culturali, soggetti disagiati, giovani, oratori;
• disponibilità a rifornirsi da fornitori etici o comunque a farsi garante verso il PIME e verso i clienti dell’eticità della filiera con legame col mondo missionario e solidale;
• disponibilità ad appoggiare le campagne Pime (es. trattenere una parte del prezzo e devolverla a determinati progetti in occasione di campagne, comunicare un messaggio anche attraverso i nomi dei prodotti che si trovano nel menù);
• disponibilità comunicare quello che succede al Centro e a creare, d’accordo con le varie aree del Centro (raccordo promozione), un calendario di eventi per attirare e accogliere i target di riferimento. Il bar deve rispecchiare, esprimere, amplificare quello che succede al Pime (es. serate a tema). Il bar dovrebbe essere anche un luogo di inclusione, uno spazio di incontro, polo culturale espressione del Pime nel quartiere, città;

Sarà gradita:
• l’attenzione ad una raccolta differenziata chiara e visibile (es. materiali di riciclo, box per smaltimento plastica, ecc.);
• l’attenzione a evitare lo spreco (es. donare cibo in eccesso ad esempio a refettori o iniziative analoghe);

Forma contrattuale:
associazione in partecipazione

Candidature:
Inviare entro il 15 marzo 2019 al Direttore del Centro, Padre Mario Ghezzi, via email all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.: curriculum vitae, elaborato di una pagina in cui ciascun candidato spieghi come intende valorizzare il bar del PIME e qual è la sua visione di sviluppo dell’attività e business plan triennale.
Saranno privilegiate le candidature che mostreranno particolare adesione all’ideale missionario.

 

Zon

 

CENTRO MISSIONARIO PIME MILANO

MERCOLEDÌ 03 APRILE, ORE 21

BRASILE: CHIESA DI FRONTIERA
MONS. ADOLFO ZON PEREIRA
vescovo dell’Alto Solimões, in Amazzonia, al confine con Colombia e Perù

 

Una diocesi grande quanto mezza Italia nel cuore della foresta amazzonica, ma con una popolazione di appena 200 mila abitanti dispersi in oltre 250 comunità, distanti tra loro ore di barca. È una terra di frontiera in tutti i sensi quella dell’Alto Solimões, dove è vescovo il saveriano spagnolo dom Adolfo Zon Pereira. Al confine tra Colombia e Perù, è un luogo di traffici illeciti e criminalità, ma anche crocevia di popoli che vanno e vengono dai villaggi sperduti lungo il fiume. Qui vive un’umanità varia fatta di indios, ma anche di comunità di ribeirinhos e immigrati. Una sfida non indifferente per una Chiesa che oggi può contare su appena quindici sacerdoti tra diocesani e religiosi. E su una nuova presenza delle Missionarie dell’Immacolata (le suore del Pime), che vi sono arrivate un anno fa, ridando vita a una cappella abbandonata da vent’anni.

Mons. Adolfo Zon Pereira dialogherà con Giorgio Bernardelli - giornalista di Mondo e Missione che lo ha recentemente incontrato nella diocesi amazzonica - mercoledì 3 aprile, nell’ambito delle serate di Quaresima 2019.
Sarà anche l'occasione per ricordare padre Nello Ruffaldi, missionario del Pime in Brasile per tanti anni accanto agli indios, scomparso proprio in questi giorni.

L’incontro, così come lo spettacolo narrativo “L’Amazzonia non è verde” di mercoledì 10 aprile, si inseriscono nella CAMPAGNA “IL GRIDO DELL’AMAZZONIA" promossa dal Pime in vista del Sinodo del prossimo ottobre.

 

 

bizzeti

 

CENTRO MISSIONARIO PIME MILANO - MERCOLEDÌ 27 MARZO, ORE 21

NOI, CRISTIANI DI TURCHIA
TRA RESISTENZA E ACCOGLIENZA

MONS. PAOLO BIZZETI vicario apostolico d’Anatolia

 

«Siamo in un crocevia da cui nessuno può prescindere, al confine tra Oriente e Occidente, dove i problemi dei modelli di civilizzazione e della convivenza tra le fedi sono al centro dell’attenzione. Una Chiesa di minoranza, dispersa su un territorio vastissimo, che ora apre le porte a masse di rifugiati»

Monsignor Paolo Bizzeti, gesuita italiano e biblista appassionato, è dal primo dicembre 2015 vicario apostolico dell’Anatolia, a Iskenderun, nel cuore della Turchia, dove venne ucciso il suo predecessore, monsignor Luigi Padovese. «Sul piano della fede, essere una piccola minoranza in un contesto musulmano in un'escalation di autoaffermazione è una provocazione, che costringe a comprendere meglio che cosa ha il Vangelo da dire a ogni uomo».

Mons. Paolo Bizzetti porterà la sua straordinaria testimonianza, unica per molti versi, al Pime di Milano, nell’ambito degli incontri di Quaresima 2019

Leggi qui l’intervista per “Mondo e Missione” di Chiara Zappa, autrice di “Mosaico Turchia” (ed. Terrasanta), che introduce e modera la serata.

La serata si inserisce nel ciclo di incontri di Quaresima 2019 «La vita si spinge verso una felice rinascita» (scarica qui la locandina)

Prossimi incontri:

Mercoledì 3 aprile - ore 21
BRASILE: CHIESA DI FRONTIERA
MONS. ADOLFO ZON, vescovo dell'Alto Solimões, al confine con Colombia e Perù

Mercoledì 10 aprile - ore 21
L’AMAZZONIA NON È VERDE
Spettacolo narrativo di Andrea Zaniboni
con Elda Olivieri, Rachel O’Brien, Kal dos Santos, Nadio Marenco e Adalberto Ferrari

 

 

 

Nevio

CENTRO MISSIONARIO PIME - QUARESIMA  2019

MERCOLEDI' 20 MARZO ore 21

MISSIONE ZAMBOANGA

PADRE NEVIO VIGANÒ missionario del Pime per 18 anni nelle Filippine

GEROLAMO FAZZINI autore di “Una fedeltà a caro prezzo” (Emi), cinquant’anni del Pime nelle Filippine

 

Per 18 anni padre Nevio Viganò, missionario del Pime, ha vissuto a Zamboanga, in una delle regioni più povere e pericolose dell’isola di Mindanao, nelle Filippine. Qui ha cercato di portare aiuti concreti, ma anche di promuovere diritti e giustizia. Un posto difficile e pericoloso, dilaniato da un conflitto tra l’esercito e gli indipendentisti musulmani che dura da quarant’anni e che ha fatto più di 150 mila vittime. Anche tre missionari del Pime – Tullio Favali, Salvatore Carzedda e Fausto Tentorio – hanno dato la loro vita per questa terra e la sua gente.

Padre Nevio è stato costretto a muoversi con una scorta: «Povertà dilagante, mancanza di assistenza medica, rapimenti specialmente di stranieri a scopo di riscatto, gruppi armati che pretendono di amministrare arbitrariamente la giustizia nella totale impunità, presenza di gruppi di estremisti islamici… Però, a Zamboanga e Mindanao, ci sono anche le straordinarie bellezze naturali e l’eccezionale ricchezza di gruppi etnici, culture e religioni diverse che vivono insieme».

Padre Nevio porterà la sua testimonianza al Centro Pime di Milano mercoledì 20 marzo, insieme a Gerolamo Fazzini, giornalista e scrittore, autore del libro “Una fedeltà a caro prezzo. I primi 50 anni del Pime nelle Filippine: una storia di missione e martirio" (Emi, Bologna).

Fedelta a Caro Prezzo 350x500

 

La serata apre il ciclo degli incontri del mercoledì di Quaresima al Centro missionario Pime (via Mosé Bianchi 94)

Clicca qui per scaricare la locandina con il programma completo degli incontri di Quaresima al Pime

 

 

 Quaresima Pime 2019 bannerweb

Il Centro di cultura e animazione missionaria Pime di Milano propone per la Quaresima 2019 un ciclo di incontri sul tema:

 

LA VITA SI SPINGE VERSO UNA FELICE RINASCITA
Percorsi di riflessione e testimonianza in vista della Pasqua

 

Mercoledì 20 marzo – ore 21
MISSIONE ZAMBOANGA
padre NEVIO VIGANÒ
missionario del Pime per diciott'anni nelle Filippine
GEROLAMO FAZZINI
Giornalista e autore del libro Una fedeltà a caro prezzo (Emi), cinquant’anni di avventura missionaria del Pime nelle Filippine.

 

Mercoledì 27 marzo – ore 21
NOI, CRISTIANI DI TURCHIA, TRA RESISTENZA E ACCOGLIENZA
MONS. PAOLO BIZZETI,
vicario apostolico d’Anatolia

 

Mercoledì 3 aprile – ore 21
BRASILE, CHIESA DI FRONTIERA
MONS. ADOLFO ZON
vescovo dell'Alto Solimões, Amazzonia, in Brasile al confine con Colombia e Perù

 

Mercoledì 10 aprile – ore 21
L’AMAZZONIA NON È VERDE
Spettacolo narrativo di Andrea Zaniboni sulla campagna del Pime «Il grido dell'Amazzonia»

 

Una luce brillò su questa terra
Il suo bagliore era dall'alto
La vita si spinge verso una felice rinascita
Attraverso la morte all'amore perfetto.
(Inno per la festa di santa Matilde di Magdeburgo)

 

SCARICA QUI LA LOCANDINA

banner amazzonia

 

Papa Francesco ha convocato un Sinodo speciale dedicato all'Amazzonia che si terrà nell’ottobre 2019. Si tratta di un evento che interpella il Pime in maniera particolare: per noi la grande foresta e i popoli che la abitano non sono la moda del momento, ma una terra di missione dove, dal 1948, siamo presenti annunciando il Vangelo a fianco degli indios, delle vittime del traffico di persone e delle vittime innocenti del narcotraffico, spesso emarginati e dimenticati da tutti.

Per questo durante il 2019 rinnoveremo il nostro impegno attraverso una grande campagna di sensibilizzazione dedicata a questa regione del mondo fatta di informazione, eventi in piazza, sostegno a progetti dei nostri missionari
 

campagna amazzonia

CLICCA QUI PER VEDERE LA PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA «IL GRIDO DELL'AMAZZONIA»

VUOI SOSTENERE LA CAMPAGNA?

dona ora amazzonia

 

 

Pagina 1 di 26

Contattaci

   Via Mosé Bianchi 94 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more