Bangladesh

  • Azevedo Pasqua 2018 Bangladesh

    BANGLADESH

    «Padre, come si prega?»

    di padre ALMIR AZEVEDO

  • Bangladesh Corti Natale 2015

    BANGLADESH

    Sotto scorta, ma Natale verrà!

    di p. PIERFRANCESCO CORTI

  • Bangladesh nuova parrocchia Mohespur

    BANGLADESH

    La festa di Mohespur diventata parrocchia

    padre PIERFRANCESCO CORTI

  • BANGLADESH. Pasqua con angelo visibile

    BANGLADESH

    «Pasqua con un angelo visibile...»

    di padre MICHELE BRAMBILLA

  • Dove due o tre pregano nel mio nome, io sono in mezzo a loro

    BANGLADESH

    Dove due o tre pregano nel mio nome, io sono in mezzo a loro

    padre MICHELE BRAMBILLA

  • Franco Cagnasso Natale 2016 Bangladesh

    BANGLADESH

    Il coraggio del Natale

    di padre FRANCO CAGNASSO

  • Grazie per il vostro generoso impegno

    BANGLADESH

    Grazie per il vostro generoso impegno

    padre PIERFRANCESCO CORTI

  • Guardare a Gesù Crocifisso

    BANGLADESH

    Guardare a Gesù Crocifisso

    padre ARTURO SPEZIALE

  • J093 Costruzione scuola San Carlo in BANGLADESH

    J093 - Costruzione della scuola primaria "San Carlo Borromeo
    Responsabile: fr. Massimo Cattaneo
    Bangladesh

  • J107 - REFETTORIO IN BANGLADESH

    J107 – Refettorio e cucina per il Centro di Formazione “Padre Sandro Giacomelli”
    Responsabile: p. Michele Brambilla
    Bangladesh

  • J144 BANGLADESH: CENTRO GESU' LAVORATORE

    J144 – Bangladesh

    Ristrutturazione del Centro
    Gesù Lavoratore a Zirani

     

    Zirani

     

  • J145 BANGLADESH: TERRENO AGRICOLO PER STUDENTI POVERI

    J145 – Bangladesh:

    Acquisto terreno agricolo
    a sostegno studenti poveri di Mohespur

     

    J145

  • K699 - Spazi culturali per il villaggio di Kosba

    BANGLADESH

    K699 - Costruzione di spazi culturali per il villaggio di Kosba

    sr. Rebecca Kispotta, garante PIME è p. Michele Brambilla

    Istruzione e formazione

  • La nostra speranza per il futuro

    BANGLADESH

    La nostra speranza
    per il futuro

    padre QUIRICO MARTINELLI

  • Ottobre missionario: il 5 con Calegari il via alle serate

    CalegariFabrizio43

    Comincia mercoledì 5 ottobre, alle ore 21 peresso il Centro missionario Pime di via Mosé Bianchi a Milano, il ciclo di incontri dell’OTTOBRE MISSIONARIO al Pime di Milano sul tema: “FRONTIERE. PERCORSI DI RIFLESSIONE AI CONFINI DELL’ESISTENZA”

    Primo appuntamento con padre FABRIZIO CALEGARI, missionario del Pime in Bangladesh che porterà la sua testimonianza dal titolo: IL CUORE ALTROVE

    Leggi qui il programma completo delle quattro serate dell'ottobre missionario

    «Andiamocene altrove perché io predichi anche là: per questo infatti sono venuto». È un’espressione di Gesù che dice la ragione profonda della missione. Gesù è venuto per andare altrove, per essere sempre altrove. Non è venuto per una sola folla, ma per tutte le folle; non è venuto per predicare in un posto solo, ma dappertutto. Ed è così per il missionario che incontra ancora difficoltà con i costumi nuovi che vede e la lingua nuova in mezzo a cui vive. E che gioca coi bambini. Ne vede uno in difficoltà, perché non sano come gli altri, e lui lo pone al centro. Il missionario nel Paese straniero, che ancora non conosce, ha giocato tutto il pomeriggio con i bambini.  Ha parlato la lingua della solidarietà e dell’amore. Che altro?»
    (dalla prefazione di don Bruno Maggioni al libro “Il cuore altrove” di padre Calegari)

  • Rientrato in Italia padre Parolari. Ma cure saranno lunghe

    Kamarkistopur-7-848x400

    Padre Piero Parolari, missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere vittima lo scorso 18 novembre di un attentato da parte di estremisti islamici a Dinajpur, è rientrato questa mattina in Italia dal Bangladesh. Il sacerdote - riferisce AsiaNews - è fuori pericolo, ma le cure saranno lunghe. Ora ha bisogno soprattutto di calma e delle adeguate terapie.

    Padre Piero è stato accompagnato nel suo viaggio da due medici, la dott.ssa Rapacioli e il dott. Rossetti. Il rientro è avvenuto grazie al sostegno attivo di Alitalia, che ha garantito il trasporto in condizioni di assistenza particolare. Ora è ricoverato in via del tutto eccezionale presso il Bambin Gesù, data la lunga storia di amicizia e cooperazione fra l’ospedale pediatrico della Santa Sede e il Pime.

    Padre Parolari, 64 anni, è un medico missionario e viceparroco di Suihari. Egli è presente in Bangladesh dal 1985, dove lavora presso l’ospedale di St. Vincent. L’agguato è stato compiuto da tre uomini armati in motocicletta, che lo hanno attaccato mentre si recava proprio in ospedale. Il sacerdote è caduto a terra e ha sbattuto la testa, e presenta lividi sugli occhi ed ematomi sul corpo. Ha diverse costole rotte, che gli hanno provocato uno pneumotorace, e presenta uno pneumoencefalo da frattura dell’etmoide.

    Le autorità locali confermano la matrice islamica dell’attentato, che si inserisce in un clima di crescente tensione nei confronti della comunità cristiana del Bangladesh. Inquietano alcune circostanze che fanno pensare che siano plausibili legami tra gruppi fondamentalisti islamici locali e l'Isis, come spiega Gerolamo Fazzini in questo articolo sul sito mondoemissione.it.

    Il Superiore regionale del Pime, padre Michele Brambilla, ha dichiarato ad AsiaNews: «La nostra comunità ringrazia il governo e le autorità, che hanno messo a disposizione fin da subito le loro competenze per aiutare p. Piero. La situazione è ancora molto tesa: oggi un leader politico musulmano è stato minacciato di morte dagli estremisti, le intimidazioni non colpiscono soltanto i cristiani ma tutti coloro che lavorano per la pace. È un problema politico-religioso, non di matrice puramente confessionale».

  • S122 - BORSE DI STUDIO CATALDI

    foto Cataldi

    MISSIONI PIME

    S122 - BORSE DI STUDIO "FRANCESCO E MARIA CATALDI"

    Istruzione e Formazione 

  • Vicini a padre Parolari, colpito in Bangladesh

    parolari

     

    Sono ore di grande preoccupazione per padre Piero Parolari, missionario in Bangladesh dal 1985, colpito a Dinajpur da alcuni colpi di pistola sparati contro di lui da un attentatore a bordo di una motocicletta. Padre Piero da Dinajpur è stato trasferito in elicottero in ospedale a Dhaka dove è stato dichiarato fuori pericolo (leggi a questo link gli ultimi aggiornamenti sulle sue condizioni). I missionari del Pime invitano tutti gli amici a unirsi nella preghiera per padre Parolari e l'intera comunità del Pime in Bangladesh, Paese dove la violenza del radicalismo islamico si fa ogni giorno più grave.

    Padre Parolari è originario di Lecco e ha 64 anni. Alla missione è arrivato dopo la laurea in medicina, divenendo sacerdote nel 1984. In Bangladesh - oltre che come sacerdote nella parrocchia di Suihari - ha sempre speso la sua vita al servizio degli ultimi, specialmente per i malati di tubercolosi, che assiste nel Tbc Hospital, da lui stesso fondato accanto alla parrocchia di Rajshahi. Anche quando è stato colpito con la sua bicicletta si stava recando in ospedale a Dinajpur per assistere alcuni ammalati. Leggi questa intervista in cui padre Parolari stesso pochi giorni fa raccontava a Gerolamo Fazzini la sua vita di medico missionario.

    Diventato missione nel 1855, il Bangladesh accoglie oggi 29 missionari del Pime. La ristretta area del Bengala – dove erano stati destinati i primi padri approdati nel Paese – oggi si è notevolmente ampliata: l'istituto è attualmente presente nelle diocesi di Dhaka, Dinajpur e Rajshahi. Il dialogo con l'islam, il lavoro tra i santal, una delle popolazioni tribali del Bangladesh, e la formazione dei laici sono tutt'ora le priorità della comunità Pime del Bangladesh. Proprio nelle scorse settimane, nelle giornate del 10 e 11 novembre, i missionari attualmente presenti nel Paese si sono riuniti in assemblea a Dinajpur per eleggere il nuovo consiglio direttivo della regione alla presenza del vicario generale, padre Davide Sciocco. L'occasione ha permesso uno scambio di esperienze e un confronto sulla realtà sempre più complessa che il Paese sta vivendo.

    Il ferimento di padre Parolari non giunge purtroppo come una sorpresa: sono tanti ormai i segnali inquietanti giunti in queste ultime settimane dal Bangladesh sulla crescita del radicalismo islamico violento, come spiega questo articolo di Mondo e Missione.

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more