Brasile

  • Alberto Garuti

    6/11/2016

    PADRE ALBERTO GARUTI (1932-2016)

  • AMAZZONIA: COL VESCOVO ZON VERSO IL SINODO

    Zon

     

    CENTRO MISSIONARIO PIME MILANO

    MERCOLEDÌ 03 APRILE, ORE 21

    BRASILE: CHIESA DI FRONTIERA
    MONS. ADOLFO ZON PEREIRA
    vescovo dell’Alto Solimões, in Amazzonia, al confine con Colombia e Perù

     

    Una diocesi grande quanto mezza Italia nel cuore della foresta amazzonica, ma con una popolazione di appena 200 mila abitanti dispersi in oltre 250 comunità, distanti tra loro ore di barca. È una terra di frontiera in tutti i sensi quella dell’Alto Solimões, dove è vescovo il saveriano spagnolo dom Adolfo Zon Pereira. Al confine tra Colombia e Perù, è un luogo di traffici illeciti e criminalità, ma anche crocevia di popoli che vanno e vengono dai villaggi sperduti lungo il fiume. Qui vive un’umanità varia fatta di indios, ma anche di comunità di ribeirinhos e immigrati. Una sfida non indifferente per una Chiesa che oggi può contare su appena quindici sacerdoti tra diocesani e religiosi. E su una nuova presenza delle Missionarie dell’Immacolata (le suore del Pime), che vi sono arrivate un anno fa, ridando vita a una cappella abbandonata da vent’anni.

    Mons. Adolfo Zon Pereira dialogherà con Giorgio Bernardelli - giornalista di Mondo e Missione che lo ha recentemente incontrato nella diocesi amazzonica - mercoledì 3 aprile, nell’ambito delle serate di Quaresima 2019.
    Sarà anche l'occasione per ricordare padre Nello Ruffaldi, missionario del Pime in Brasile per tanti anni accanto agli indios, scomparso proprio in questi giorni.

    L’incontro, così come lo spettacolo narrativo “L’Amazzonia non è verde” di mercoledì 10 aprile, si inseriscono nella CAMPAGNA “IL GRIDO DELL’AMAZZONIA" promossa dal Pime in vista del Sinodo del prossimo ottobre.

     

     

  • Brasile Frigeni Natale 2015

    BRASILE

    Pace e giustizia per i poveri

    di mons. GIULIANO FRIGENI

  • Brasile Paese ospite

    A TUTTAUNALTRAFESTA BRASILE PROTAGONISTA

  • Costanzo Donegana (1940-2017)

    8/7/2017

    PADRE COSTANZO DONEGANA (1940-2017)

  • COSTANZO DONEGANA, TESSITORE DI UNITA'

    DoneganaCostanzo021

     

    Il Centro missionario di Pime di Milano piange la scomparsa di padre Costanzo Donegana, missionario del Pime, morto sabato all'età di 77 anni a causa di una malattia che negli ultimi tempi lo aveva gravemente consumato. Padre Costanzo aveva prestato il suo servizio nel nostro Centro, dove - soprattutto nelle pagine diMondo e Missione - aveva portato la sua profonda conoscenza dell'America latina. Così, proprio dal Brasile, lo ricorda padre Piero Facci, in un articolo che uscirà sul numero di agosto-settembre della rivista.

    ------------------------

    Impossibile scrivere in poche righe ciò che è stato padre Costanzo Donegana, deceduto lo scorso 8 luglio nell’ospedale di Lecco. Qualcuno ha detto di lui: «Se n'è andato. Nel buio della notte. Missionario. Amante della vita. Non conformista. Libero nella coscienza. Troppo sensibile per riuscire a rimanere a riposo. Appassionato di giustizia. Inguaribile cristiano». Mi riconosco pienamente in questa pennellata. L’ho conosciuto da seminarista, lui professore di storia della Chiesa licenziato alla Gregoriana, amante dei padri della Chiesa, ricercatore appassionato della fraternità universale, attraverso un dialogo a 360 gradi e tessitori di rapporti con la gente.

    Alla domenica pomeriggio, dopo l´apostolato, con altri seminaristi ci trovavamo nel suo studio del Centro missionario di Milano semplicemente per ascoltarlo. Dentro di lui una voglia matta di uscire dalle strette mura di un ufficio giornalistico (collaborava infatti a Mondo e Missione), verso l´America Latina che amava con passione. Il sogno si realizzò nel 1992 quando approdò in Brasile ed aprì, assieme ai padri Ernesto Arosio e Alberto Garuti, il Centro di animazione e attività missionaria (Caam) a San Paolo, e la creazione della nuova rivista Mundo e Missão, alla quale si dedicò fino al 2008.

    Non rimase, però, seduto a una scrivania. Appena poteva, usciva nelle favelas dove viveva concretamente quella teologia della liberazione che lo affascinava e di cui scriveva. I poveri li amava concretamente. Con loro aveva costruito un centro sociale al quale si dedicava. Voleva vivere con loro e lo metteva in crisi una vita “borghese”. Anche la scelta della macchina era importante: un’auto popolare usata, tipo maggiolino, lo portava a identificarsi con tutti quelli che lottavano per sopravvivere.

    La sua non era una scelta sociale fine a se stessa, ma evangelica. Quante volte l’ho visto nel cuore della notte raccolto in cappella, nel suo silenzio davanti all´Eucarestia, dopo averla contemplata tutto il giorno negli abietti. Anche questo mi affascinava di lui. Non potrò mai dimenticare l’addio al suo Brasile, quando dovette rientrare in Italia per assumere la responsabilità dell’Ufficio storico dell’Istituto. All’aeroporto di San Paolo ad accompagnarlo c’erano proprio e solo loro: i poveri. Faceva un certo effetto vedere questo gruppo di persone nell´elegante atrio dell´aeroporto, noncuranti degli sguardi stupefatti dei passeggeri. Costanzo aveva le lacrime agli occhi, sembrava assorto in un altro mondo. L´ultima chiamata era già risuonata. Ho dovuto quasi risvegliarlo dal suo mondo e dirgli: «Costanzo, devi entrare, l´aereo parte». Credo sia stato uno dei momenti più duri della sua vita.

    Una prova che si è ripetuta in quest´ultimo anno, con una depressione che lo ha portato a identificarsi ancor più con quella gente che vive nella notte oscura del non senso, del non capirci più niente, del mutismo, del silenzio di Dio. Scrittore avvincente, aveva pubblicato un libretto, l´ultimo, dal titolo: “Dio in contromano”. Una profezia. È stato preso proprio in contromano e umilmente ha detto il suo sì. La purificazione. Anche questo è essere missionario, tessitore instancabile di unità, pagata con la sua vita.

     

  • Francisco Bueno

    14/6/2016

    FRATEL FRANCISCO BUENO (1931-2016)

     

  • Franco Villa Brasile Pasqua 2017

    BRASILE

    A San Paolo è  nato il Centro
    CONOSCO padre FRANCO VILLA

  • Giovanni Gadda (1942-2018)

    21/10/2018

    PADRE GIOVANNI GADDA (1942-2018)

  • Giuliano Frigeni Natale 2016 Brasile

    BRASILE

    In ginocchio per rinascere

    di mons. GIULIANO FRIGENI

  • IL MIO BRASILE: APERITIVO AL PIME

    MassimoCasaro

     

    Mercoledì 19 dicembre - ore 18.30

    IL MIO BRASILE
    PADRE MASSIMO CASARO
    Missionario del Pime a San Paolo

     

    Chi lo ha conosciuto nei lunghi anni trascorsi al Centro Pime di Milano non ha potuto non lasciarsi affascinare dalla sua personalissima e stimolante avventura umana e spirituale. Ma anche ora che da sei anni è missionario in Brasile, padre Massimo Casaro continua a restituirci una lettura originale e profonda del contesto in cui è stato chiamato a vivere e a operare. Un Brasile fatto soprattutto di incontri, di relazioni, di umanità. Ma anche di sfide epocali dettate dal nuovo corso politico.

    AL TERMINE: APERITIVO EQUO E SOLIDALE

  • In biblioteca missione Sud America tra storia e presente

    brasilenuovomondo

     

    Riprendono ad ottobre gli incontri di "GRANDI PER MISSIONE" per riscoprire e rivalutare grandi figure o grandi momenti della storia della missione, mettendo in relazione i risvolti più strettamente missionari con gli aspetti di carattere culturale ed evidenziandone le ricadute sull'attualità della missione grazie al contributo di esperti, docenti, giornalisti e ovviamente missionari.


    In occasione dell' OTTOBRE MISSIONARIO  sono previsti due incontri dedicati al Sud America


    MISSIONE "NUOVO MONDO" - Figure e storie di missionari in Sud America


    1 ottobre  ore 18.00
    Mons. Eugenio Biffi "Apostolo dei due continenti" tra Colombia, Yucatan e Birmania
    Rel. Dott. Paolo Labate, ufficio storico del Pime di Roma
    La prima "missione" del Pime in Sud America (1856-1896) nella documentazione degli archivi storico e fotografico del Pime: da Milano a Cartagena de Indias (Colombia) l'avvincente percorso di un missionario tra rivoluzioni e cambiamenti al servizio dei più poveri


    8 ottobre ore 18.00
    Missione in Brasile
    p. Giorgio Licini, Direttore centro missionario Pime Milano e Gerolamo Fazzini, giornalista
    Le nuove sfide dell'evangelizzazione: dagli indios ai movimenti sociali e religiosi attraverso l'esperienza dei missionari del Pime e nella realtà della Chiesa cattolica brasiliana

    Gli incontri si terranno presso la Sala Lettura della Biblioteca – ore 18.00 – ingresso libero
    BIBLIOTECA CENTRO MISSIONARIO P.I.M.E. – Via Mosé Bianchi, 94 – Milano
    Per informazioni: tel. 02 43 82 23 05 ; e-mail segreteriabilioteca@pimemilano.com

    per scaricare il volantino dell'iniziativa clicca qui

     

  • J092 Spazi comunitari a Belèm BRASILE

    J092 - Ampliamento e sistemazione di tre spazi comunitari alla periferia di Belèm do Parà
    Responsabile: p. Daniele Curnis
    Brasile

  • J110 Centro sociale in Brasile

    J110 – Centro sociale San Gabriele
    Responsabile: p. Daniele Belussi
    Brasile

  • José Negri nuovo vescovo di Santo Amaro in Brasile

    Negri

     

    Il Papa ha nominato dom José Negri, 56 anni, missionario del Pime originario di Milano, vescovo della diocesi di Santo Amaro, nello Stato di San Paolo in Brasile. Dom Negri è vescovo già da 10 anni: nel 2005 era stato nominato vescovo ausiliare di Florianópolis; il 18 febbraio 2009 poi era stato trasferito alla diocesi di Blumenau. Già dall'ottobre 2014 era stato designato infine da papa Francesco come vescovo coadiutore della diocesi di Santo Amaro, di cui ora assume a tutti gli effetti la guida.

    Come racconta lui stesso in una lettera citato dal sito pime.org “nella diocesi di Santo Amaro sono arrivati i nostri primi missionari, i quali, reduci dalla Cina, hanno cominciato un lavoro missionario fondando numerose parrocchie e mostrando un vero ardore apostolico”.Attualmente la diocesi comprende due parrocchie ancora affidate a padri del Pime: “Vedo pertanto questa nomina - annota monsignor Negri - come segno del ritorno del Pime alle origini”.

    Alla vigilia del Sinodo Mondo e Missione aveva intervistato mons. Negri sulle sfide per la famiglia in Brasile e sul suo servizio pastorale a Santo Amaro. «Sono arrivato in questa diocesi da pochi mesi - raccontava in quell'occasione -, ma questo poco tempo è stato sufficiente per percepire come i nostri missionari sono ben inseriti col clero diocesano, con quello degli altri istituti e le varie foranie, perché il Pime “è di casa”. La nostra presenza Pime sarebbe più significativa se una delle nostre parrocchie fosse trasformata in un Centro Missionario, un centro di irradiazione missionaria per tutta la diocesi. Per ora, sogniamo.». Leggi qui l'intera intervista a mons. José Negri.

  • LA CAMPAGNA

    banner educazione ttf2018

     

    LA CAMPAGNA DI TUTTAUNALTRAFESTA 2018
    A SOSTEGNO DI TRE PROGETTI EDUCATIVI IN CAMERUN, MYANMAR E BRASILE

    banner donazioni

     

  • La solidarietà non è un pacco... è un regalo!

    pacchi3

     

    Con il mese di novembre è iniziata la corsa ai regali di Natale. E anche quest'anno la Fondazione Pime Onlus vuole essere presente nei luoghi dello shopping attraverso l'iniziativa «La solidarietà non è un pacco: è un regalo!». Il meccanismo è semplice: in oltre 60 negozi in diverse regioni italiane sono presenti alcuni collaboratori del Pime disponibili a realizzare le confezioni regalo degli acquisti in cambio di un'offerta libera che andrà a sostenere l'impegno dei missionari.

    Quest'anno - in particolare - i fondi raccolti, oltre alle iniziative educative con i ragazzi svolte dalla Fondazione Pime Onlus in Italia, andranno a sostenere anche un nuovo progetto educativo che padre Massimo Casaro sta facendo partire nelle scuole di San Paolo in Brasile. Leggi in questo articolo pubblicato sul numero di novembre di Mondo e Missione di che cosa si tratta.

    I punti vendita coinvolti si trovano in Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Puglia; complessivamente sono oltre 150 i collaboratori del Pime coinvolti. Nel mese di novembre è possibile incontrarli nei week-end; poi - a partire dall'inizio di dicembre - saranno presenti anche nei giorni infrasettimanali.

    Questo loro servizio è un'occasione in più per far conoscere l'opera dei missionari del Pime, oltre che per fare spazio a un gesto di solidarietà anche nel momento delle spese natalizie.

     

  • LA VITA DONATA IN ABBONDANZA DA P. MARITANO

    LA VITA IN ABBONDANZA
    DI PADRE MARITANO

  • Luciano Basilico (1930-2016)

    26/12/2016

    PADRE LUCIANO BASILICO (1930-2016)

  • Luiz Fernando Machado Da Silva (1961-2017)

    30/6/2017

    FRATEL LUIZ FERNANDO MACHADO DA SILVA (1961-2017)

Contattaci

   Via Mosé Bianchi 94 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more