graphic novel

  • «Primavere e autunni»: una graphic novel sulla Cina a Milano

    primavereautunni

     

    Venerdì 20 novembre ore 18 presso la Biblioteca Centro Missionario Pime
    presentazione della graphic novel

    Primavere e autunni – Vita e imprese del signor Wu
    di Ciaj Rocchi e Matteo Demonte (edizioni BeccoGiallo)


    Attraverso una storia concreta (che a un certo punto incrocia anche il Pime) il racconto della via dell'integrazione cinese nell'Europa contemporanea attraverso un nuovo linguaggio come quello della graphic novel. È il profilo di «Primavere e autunni» il libro che viene presentato alla Biblioteca del Pime venerdì 20 novembre alle ore 18.

    Wu Li Shan è un giovane venditore ambulante di cravatte. Arriva a Milano nel 1931 da uno sperduto villaggio di montagna della Cina orientale. In città sono appena terminati i lavori della nuova Stazione Centrale e le vie sono piene di gente. Wu non conosce l'italiano ed ha a malapena una stanza dove stare, ma quella città gli piace: adora il rumore dei passi cadenzati sui marciapiedi , le carrozze sulle strade, le chiacchiere delle belle signore che tengono i figli per mano. Prima che a Milano Wu ha vissuto in altre grandi città, come Parigi e Amsterdam, eppure comprende che è l'Italia il luogo che il destino ha scelto per lui e per il futuro della sua famiglia.
    Da venditore ambulante a titolare d'azienda, dal matrimonio con la sarta italiana Giulia alla Rivoluzione Maoista che lo allontanerà per sempre dal paese natale, pagina dopo pagina la vita e le imprese di Wu rinascono nella memoria del nipote per diventare finalmente una storia universale.

    Alla presentazione oltre agli autori, interverranno Daniele Cologna (sociologo che ha scritto la postfazione sulla condizione dei cinesi sotto il fascismo) e l'editore Federico Zaghis (BeccoGiallo). Per il Pime sarà presente padre Angelo Lazzarotto, missionario ad Hong Kong per lungo tempo, storico, sinologo, conoscitore della Cina e della comunità cinese di Milano.

    Perché presentare questo libro al Pime?
    Matteo Demonte, nipote del protagonista Wu Li Shan, sottolinea che il legame con l'Istituto Missionario e la sua Casa milanese si ricollega proprio alla vita del nonno, perché Padre Andrea Tsieng e Padre Huang Wen Tao che furono fondamentali per l'integrazione di questi primi cinesi arrivati in Italia, erano preti cinesi che operavano nella parrocchia della Santissima Trinità ed erano anche preti missionari arrivati in Italia proprio grazie al Pime.

    Nello specifico, il principale fautore di iniziative per i figli dei Cinesi fu un Missionario di nome "Padre Wang" (Wang Wen Tao), morto nel 1976, successivamente coadiuvato da Don Andrea Tsien, quest'ultimo per lungo tempo sacerdote nella Parrocchia della S.S.Trinità, considerata la Chiesa dei "Cinesi di Milano", e poi Vescovo della città di Hualien, a Taiwan.

    L'iniziativa si inserisce nella rassegna di presentazione di libri della Biblioteca del Pime "UN LIBRO, UNA FINESTRA APERTA" ed è realizzata in collaborazione con la Libreria Ceam del Centro Missionario Pime

    Ingresso libero , ampio parcheggio interno ; Trasporti pubblici : MM1 ROSSA e MM5 LILLA (fermate Amendola o Lotto)

Contattaci

   Via Monte Rosa 81 – 20149 Milano

   Tel. 02/43.822.1

   Fax 02/43.822.901

Inviaci una email

Iscriviti alla Newsletter

 

facebook twitter youtube

Vai all'inizio della pagina

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso.  Read more